Il test HIV

Facciamolotutti

“L’HIV non mi riguarda”
Questo è quello che rispondono moltissimi italiani alla domanda sul motivo per cui non fanno il test.

Su questi presupposti nasce #FacciamoloTutti

una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione da HIV in Regione Puglia che vuole portare la fascia di età tra i 20 e 30 anni ad adottare stili di vita sessuali più sani e meno rischiosi e spiegare i motivi per cui l’HIV, al contrario di ciò che si pensi, riguarda tutti.

La campagna si concentra sul test HIV poiché dagli ultimi dati abbiamo rilevato che la Puglia conta ben 162 casi diagnosticati di AIDS conclamata nell'arco del 2019.
Questo significa che un giorno sì e uno no, una persona ha contratto il virus dell’Hiv.

Fare il test dell’HIV equivale a un comportamento intelligente e consapevole verso se stessi e verso gli altri. Un gesto che rende semplicemente “migliore” chi lo fa.

Clicca qui per sapere come partecipare al CON-TEST

---------------

DOVE FARE IL TEST

---------------
FAQ
Perché fare il test?

Sapere se si è contratto il virus HIV è importante per due motivi:
1. La persona che risulta positiva può curarsi, interrompendo l’evoluzione della malattia ed evitando che evolva verso l’immunodeficienza conclamata (AIDS), che può favorire l’apparizione di altre patologie
2. È un atto di responsabilità nei confronti degli altri: non sapendo di essere infetti può essere più semplice adottare comportamenti che potrebbero causare ulteriori trasmissioni del virus.

Chi puó fare il test?

Tutte le persone maggiorenni e anche quelli dai 16 anni in su che siano in grado di intendere e volere e in grado di firmare un consenso informato. Consigliamo, prima o dopo l’esecuzione del test, di effettuare un colloquio con personale sanitario specialista nella gestione e nel trattamento del virus HIV per chiarire ogni dubbio e ottenere informazioni più dettagliate.

Quando fare il test?

In caso di sesso non protetto o utilizzo di siringhe potenzialmente infette, è necessario che passino almeno tre mesi dalla data di esposizione prima di svolgere il test.
In tutti gli altri casi il test HIV può essere fatto in qualsiasi momento e in piena sicurezza.

In cosa consiste il test?

Il test può essere effettuato attraverso diverse modalità: prelievo di sangue, prelievo venoso, da puntura dal dito o test salivare. Per effettuare il test non è necessario essere a digiuno.

Andare a fare il test in questo periodo (Covid-19) è comunque sicuro?

Non vi è nessun rischio di contrarre alcuna infezione effettuando il test HIV, utilizzando la mascherina chirurgica non vi sono infatti rischi di contrarre il Coronavirus.

Quali sono i comportamenti corretti per evitare l’infezione da HIV?

È necessario avere rapporti sessuali protetti in caso di partner occasionali ed evitare lo scambio di siringhe tra persone nel caso di utilizzo di droghe per via endovenosa.

Cosa fare in caso di positività al test?

In caso si risulti positivi al test per il virus HIV, consigliamo di recarsi quanto prima in un ambulatorio di malattie infettive per ricevere informazioni adeguate ed effettuare i controlli necessari.
Il tempo gioca infatti un ruolo decisivo: grazie ai farmaci antiretrovirali disponibili, l’infezione da HIV è diventata una malattia infettiva cronica che garantisce un’ottima qualità di vita e una aspettativa sovrapponibile a quella delle persone non infette. Inoltre, grazie alla terapia antiretrovirale è possibile sopprimere la replicazione virale e pertanto un soggetto sieropositivo in terapia non è più in grado di trasmettere l’infezione. Non intervenire per tempo, invece, può favorire il passaggio dalla positività al virus alla vera e propria immunodeficienza (AIDS), con grandi rischi per la propria salute.

---------------

PER APPROFONDIRE

---------------